tisana camomilla romana

Camomilla Romana, Tisana 45g

11.00 

Provenienza: Prodotto della nostra terra!
Contenuto: Camomilla romana (Chamaemelum nobile L.), capolini essiccati
Confezione da: 45 gr
A cosa serve: insonnia, ansia, irritabilità, emicranie, dolori e crampi addominali, colite, emorroidi, diarrea, gas intestinale (flatulenza, meteorismo, eruttazioni, dispepsie), disturbi mestruali (amenorrea, menorragia, dismenorrea, ecc.), mal di denti (usando la tisana come colluttorio), febbre (aumenta la sudorazione ed aiuta ad abbassarla), congiuntivite (applicando degli impacchi imbevuti con la tisana sugl’occhi). L’impacco di camomilla è un buon antinfiammatorio anche per uso esterno, su ferite, tagli, ustioni, eritemi, dermatiti, ecc.

Proprietà: spasmolitica, sedativa, ansiolitica, carminative (elimina i gas intestinali), digestivo, antinfiammatorio, lentitive, antisettiche, antiossidante, sudorifera.

🕘  la spedizione avviene ogni lunedì, martedì e mercoledì, consegna mediamente in 24-48 ore.

Product price:
Totale opzioni aggiuntive:
Ordine totale:

› Tisana di Camomilla Romana

Consigli d’uso: Contro l’insonnia la camomilla romana è efficace solamente se lasciata riposare in acqua per almeno un’ora, fino a un massimo di 8 ore (tempo in cui rilascia il massimo dei suoi principi attivi). La classica tisana da 5-10 minuti non ha quasi alcun effetto sedativo.

Come tisana digestiva la camomilla va bene anche lasciata in infusione in acqua bollente per 5 minuti, quindi filtrare e bere ancora calda. Per la preparazione della tisana si usa un cucchiaino da caffè di capolini essiccati su una tazza d’acqua (circa 250 ml).

Si consiglia di non superare i 2-3 infusi giornalieri.

Avvertenze: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Conservare in un luogo fresco e asciutto.

Controindicazioni: Controindicato a chi assume farmaci ansiolitici, con cui la camomilla romana entrerebbe in competizione. E’ controindicata in gravidanza, perché può causare contrazioni uterine e aborto. Dato che contiene cumarina può potenziare gli effetti degli anticoagulanti. L’uso cronico, invece, può potenziare gli effetti dei glucosidi cardioattivi e degli antiaritmici per perdita di potassio. In questi casi è dunque auspicabile parlarne con il proprio medico.
Un abuso di camomilla può portare nausea e insonnia.

Descrizione: La camomilla romana (nome botanico: Chamaemelum nobile L. o Anthemis nobilis) In Italia non si trova spontanea ma viene coltivata per le sue proprietà fitoterapiche. È una pianta erbacea perenne con fusti alti fino a 30 cm, foglie alterne nei fusti, oblunghe e sottili di colore verde chiaro. I fiori sono molto particolari e diversi da quelli della camomilla comune (Matricaria): disposti in capolini del diametro di 2-3 cm su lunghi peduncoli, sono tutti provvisti di ligula bianca e conferiscono all’infiorescenza una forma sferica. Tra le varietà spontanee esistono anche piante in cui non tutti i fiori sono provvisti di ligula e in questi casi i capolini risultano simili a quelli di Matricaria anche se più grandi. I frutti sono piccoli acheni verdognoli e lucidi, di forma oblunga.

La camomilla romana viene da sempre utilizzata per favorire un buono stato di benessere mentale e di rilassamento e, conseguentemente, un fisiologico sonno.

I principi attivi naturalmente contenuti rendono la camomilla un rimedio d’elezione per stimolare la corretta funzionalità digestiva ed una regolare motilità intestinale: il suo infuso risulta molto utile anche per contrastare la formazione di gas intestinali e per favorine l’eliminazione. L’azione emolliente e lenitiva si esplica sia sull’apparato digerente che su quello respiratorio, contribuendo alla corretta funzionalità delle mucose. La camomilla contribuisce, inoltre, a regolare il processo di sudorazione.

Contiene un olio essenziale (contenente camazulene blu), favonoidi, cumarina, alcol, acidi grassi, un glucoside, potassio, vitamina C.