Tisana Calendula fiori
Tisana Calendula OfficinalisFiori di Calendula OfficinalisColtivazione Calendula Officinalis

Calendula, Tisana 50g – 500g

7.00 €39.00 €

Provenienza: Prodotto della nostra terra!
Contenuto: Calendula officinalis, fiori essiccati
Confezione da: 50 g / 500 g
Proprietà: vulnerarie (accelera la rigenerazione cellulare), antinfiammatoria, emolliente, cicatrizzante, antibatterica, antimicotica, ipotensiva, ipolipemizzante (riduce la concentrazione di grassi nel sangue, cioè trigliceridi e colesterolo), coleretica (stimola la secrezione della bile), depurativa e antispasmodica.

A cosa serve:
1# PER USO INTERNO: depura il sangue, migliora le funzionalità del fegato, riduce il colesterolo cattivo, i trigliceridi, la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca, rafforza le vene, regola il ciclo mestruale, funge da protettore gastrico (contro ulcere e gastrite), in infuso si usa come colluttorio. Maria Treben, famosa erborista austriaca del ‘900, la consiglia anche in caso di Cancro, come depurativo del sangue, sia da sola o ancora meglio, in abbinamento con foglie di Ortica e di Achillea Millefoglie.

2# – PER USO ESTERNO: la tisana (o l’oleolito) si frizionano sulla cute per accelerare la guarigione in caso di ferite, in caso di abrasioni, ustioni, eritemi, geloni, cheloidi, acne, foruncoli, verruche, vesciche, calli, pelle secca o screpolata e migliora la circolazione sanguigna della zona trattata.

🕘  la spedizione avviene ogni lunedì, martedì e mercoledì, consegna mediamente in 24-48 ore.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

› Tisana di Calendula Officinalis

Consigli d’uso: Infuso. Si usa un cucchiaino di fiori essiccati su una tazza d’acqua (250 ml). Si porta l’acqua in ebollizione, poi si spegne e si versano i fiori essiccati, lasciando riposare 10 minuti. Poi si filtra e si beve. Per uso interno 2-3 tazze di tisana al giorno.

Avvertenze: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Conservare in un luogo fresco e asciutto.

Controindicazioni: Per l’assunzione e l’utilizzo della calendula non sono conosciute controindicazioni o effetti collaterali.

Descrizione: La calendula (Calendula officinalis) è una pianta erbacea appartenente alla grande famiglia delle Composite. Cresce spontaneamente in Italia e viene coltivata prevalentemente a scopo ornamentale. Come pianta selvatica, la Calendula, si trova un po’ ovunque, ma soprattutto lungo i cigli delle strade assolate o nei campi aperti. In Italia è molto diffusa soprattutto nel Meridione.

Il nome calendula deriva dal latino calendae, cioè “primo giorno del mese”, a indicare che fiorisce il primo giorno di ogni mese per tutto l’anno. Altra ipotesi è che si chiami così da “calendario”, poiché segna il ritmo del giorno aprendosi al mattino e chiudendosi al tramonto. La tradizione contadina vuole che, se al mattino i fiori rimangono chiusi probabilmente pioverà. Per questo motivo, nei testi medievali era indicata col nome di Solis sponsa, ossia “sposa del sole”.

La calendula è nota anche col nome popolare di “oro di Maria”, forse per la proprietà del suo infuso di alleviare i dolori periodici femminili, evidenziandone così il legame con il femminile, con la Grande Madre; d’altro canto il suo seme uncinato ricorda una falce di luna.

Della calendula si utilizzano tutte le parti della pianta e principalmente i fiori e le foglie, che sono ricche di : flavonoidi; oli essenziali (maggiormente contenuti nelle foglie che nei fiori); carotenoidi ed in particolare il Beta-carotene, licopene, luteina, xantine che conferiscono il caratteristico colore aranciato; alcoli triterpenici (in particolare gli esteri di faradiolo) e saponosidi (glicosidi dell’acido oleanico).