Pianta di Aloe Arborescens MillerLa pianta di Aloe Arborescens è una pianta perenne originaria del Sud Africa, essa nelle condizioni ottimali può raggiungere anche i quattro metri di altezza e altrettanti metri di larghezza.

Esistono oltre 400 varietá di aloe, sette delle quali sono piante della varietà di Aloe Arborescens di cui due di queste sono quelle utilizzate prevalentemente per fare la ricetta di Padre Zago perché sono quelle dov’è possibile mangiare la buccia e hanno maggiori proprietà benefiche e depurative.

Una cosiddetta Aloe Arborescens Miller che somiglia molto all’Aloe Vera e ha grandi foglie e scarsa produzione di talee, l’altra probabilmente la più diffusa e conosciuta in Italia è Aloe Arborescens a foglia perenne con una maggiore produzione di talee.

La pianta in genere si adatta bene ai vari terreni della nostra penisola, ma essendo una pianta succulenta preferisco la terra drenante, per cui nella coltivazione in vaso meglio non utilizzare il sottovaso perchè si rischierebbe una totale marcitura.

› Dove acquistare le Piante e le Foglie


Se ti interessa acquistarle direttamente da me, piante e foglie di Aloe Arborescens puoi andare alla pagina vendita.

Vai allo shop per l’acquisto.

A prescindere se acquisterai da me o no la pianta di Aloe Arborescens, ti sconsiglio vivamente di acquistarla nei comuni vivai in quanto trattandosi di una pianta utilizzata per uso alimentare e le cui foglie restano attaccate ad essa anche per anni, é necessario che non sia trattata chimicamente e che non stia a contatto con le varie piante e fiori presenti nella serra del vivaio, le quali vengono sicuramente trattate con pesticidi ecc ecc…

Ti consiglio vivamente di affidarti a me o ad aziende specializzate: abbiamo sicuramente una maggiore cura e attenzione nei confronti di questa pianta.

Coltivando l’Aloe da anni, e consumando regolarmente il succo con la ricetta di Padre Zago, posso garantirti che tutte le mie piante sono coltivate in modo naturale rispettando i naturali ritmi.

› Come riconoscere l’Aloe Arborescens


Come riconoscere la pianta di Aloe Arborescens MillerAloe Arborescens a foglia larga

  • – Fiore di colore rosso/arancio.
  • – Fiorisce da dicembre a febbraio.
  • – Ha una scarsa produzione di talee.
  • – Si sviluppano poco in altezza.
  • – Le foglie grandi e carnose non si arricciano mai verso il basso, di colore verde “acido”.
  • – La buccia è commestibile.
  • – Coltivata spesso a terra nel centro sud Italia.
  • – Non resiste a temperature sotto lo zero.

come riconoscere l'aloe arborescens

Aloe Arborescens Miller

  • – Fiore di colore rosso/arancio.
  • – Fiorisce da dicembre a febbraio.
  • – Alta produzione di talee.
  • – Si sviluppa molto in altezza.
  • – Le foglie sono sottili e lunghe di colore verde intenso.
  • – La buccia è commestibile.
  • – Coltivata spesso in vaso nel centro nord.
  • – Non resiste a temperature sotto lo zero.

 

come riconoscere l'Aloe VeraAloe Vera Barbadensis Miller

  • – Fiore di colore giallo
  • – Fiorisce in primavera.
  • – Coltivata in vaso e a terra.
  • – Le foglie grandi e carnose non si arricciano mai verso il basso, di colore verde chiaro quasi “acido”.
  • – La buccia è tossica a causa della troppa quantità di aloina.
  • – Non resiste a temperature sotto i 3/4 gradi.

› Le diverse varietà di Aloe Arborescens

Non tutti sanno che esistono ben sette varietà della famiglia di Aloe Arborescens, ma solo due di esse vengono utilizzate per la preparazione della ricetta di Padre Romano Zago, o altri preparati erboristici:

L’Aloe Arborescens Miller

In Italia questo tipo di Arborescens che a volte somiglia ad un cespuglio, o comunque ha un buon numero di ramificazioni, è la più conosciuta e diffusa in quanto si adatta molto bene alla coltivazione in vaso e ha un aspetto più piacevole, per cui i comuni vivai negli anni hanno preferito vendere questo genere di pianta.

L’Aloe Arborescens a foglia larga

Questa Arborescens un po meno “attraente”, spesso viene scambiata con l’Aloe Vera perchè solitamente si sviluppa in un’unica grande talea ed ha foglie grandi e carnose. Questa viene solitamente utilizzata dai produttori di succo di Padre Romano Zago che si trovano in farmacia o in erboristeria, in quanto la pianta cresce molto bene a terra e ha una resa maggiore in quantità di foglie.

Spesso conosco persone che scambiano una pianta per un’altra, e prossimamente cercherò di illustrare meglio altre tipologie di Aloe, in modo che ognuno dei lettori riesca a riconoscere meglio la pianta e non faccia confusione con le innumerevoli varità presenti come: Aloe Arborescens Variegata, Aloe Macrolada – somiglia molto all’Aloe Arborescens Miller e all’aloe Vera, anche questa ha grandi foglie ma ha le spine ai lati della foglia molto fitti, Arborescens Partic ecc ecc…